Ophiocordyceps sinensis e i suoi effetti di controllo epigenetico dell’infiammazione

Ophiocordyceps sinensis e i suoi effetti di controllo epigenetico dell’infiammazione

Il fungo caterpillar Ophiocordyceps sinensis è un fungo parassita di insetti del genere Thitarodes (Hepialus armoricanus) che vivono in ecosistemi dell’altopiano Tibetano e dell’Himalaya ad altezze tra I 3300 to 5000 m slm, oltre la linea degli alberi. Ha un corpo fruttifero a forma di mazza la cui raccolta e utilizzo risalgono a oltre un migliaio di anni in Tibet, anche se sono state  ritrovate testimonianze scritte in tempi antecedenti in un testo scritto da Nyamnyi Dorje (1439 to 1475), “An Ocean of Aphrodisiacal Qualities—A special work on Yartsa Gunbu”. (1)

Nella medicina tradizionale cinese (TCM), il Cordyceps sinensis è comunemente conosciuto come “dong chong xia cao” che significa  “insetto d’inverno, pianta d’estate” che è la traduzione letterale del suo nome tibetano “Yartsa Gunbu”, ed è riconosciuto come uno dei tonici più famosi per secoli. In Giappone è chiamato tōchūkaso (2-4). Il valore medicinale del Cordyceps sinensis è stato riconosciuto per migliaia di anni in Cina e in Oriente in generale. Il folklore orientale declama la sua potenza, la sua capacità di rinforzare l’organismo e di conferire resistenza e volontà. In TCM Cordyceps sinensis sostiene il ruolo dei reni di conservazione dell’energia vitale; aiuta a recuperare dopo la malattia dando forza sia al corpo che alla mente. È consigliato per i dolori, per i problemi di reni e di polmoni, dove è usato anche per molte patologie delle vie respiratorie come la tosse, il muco, la mancanza di respiro, le problematiche bronchiali, la BPCO e l’asma (5-7). La ricerca scientifica occidentale ha evidenziato un effetto protettivo sia a livello cardiovascolare (21-22) che epatico (23-27). esercita una notevole azione potenziante sulle funzioni sessuali migiorando la libido e la fertilità sia nel maschio che nella femmina (28-40). È utile per migliorare la performance fisica degli atleti (41-42) e, nell’anziano, aiuta a ridurre le sintomatologie legate all’invecchiamento (43-47); studi recenti dimostrano che ha effetti neuroprotettivi sia a livello funzionale che lesionale (48-53).

Può essere considerato un adattogeno che esercita i suoi effetti principalmente a livello epigenetico.

La cordicepina è il principale composto bioattivo studiato contenuto nel Cordyceps sinensis. Si tratta di un’adenosina modificata (3′-deossiadenosina), con un ampio spettro di attività biologiche, anti-proliferative, pro-apoptotiche e anti-infiammatorie.

La cordicepina deve entrare nella cellula utilizzando i trasportatori dell’adenosina ed essere fosforilata per influenzare la risposta infiammatoria.

Con il suo utilizzo è stata notata una forte inibizione della sintesi proteica, che correla con l’inibizione della cascata di segnale di mTOR (target della ripamicina), con riduzione dei livelli di Akt chinasi e della fosforilazione della 4E-binding protein (4EBP).

La cordicepina inoltre riduce la lunghezza della coda di poli-A degli mRNA, con alcuni mRNA più sensibili di altri. Ciò che è  interessante è che la cordicepina inibisce l’espressione, indotta da citochine, degli mRNA per mediatori dell’infiammazione senza alterare l’espressione degli mRNA costitutivi. Il trattamento con cordicepina ha come effetto, oltre alla riduzione della  lunghezza della coda di poli-A, anche una riduzione dell’efficienza della terminazione dei trascritti degli mRNA infiammatori. (54-55)

Le proprietà anti-infiammatorie del Cordyceps sinensis sono state attribuite anche alla sua capacità di inibire sia l’assemblaggio che l’attivazione dell’inflammasoma, evitando la produzione delle citochine pro-infiammatorie IL-1 beta e IL-18. Inoltre, in modelli animali di osteoartrite la cordicepina  somministrata per via orale ha dimostrato effetti analgesici e condroprotettivi, con attività di modificazione sinoviale e di rimodellamento osseo (56).

Anche se sono necessari ulteriori studi, i risultati delle ricerche forniscono un razionale per l’uso del Cordyceps sinensis e della cordicepina come nuovo approccio al trattamento di condizioni infiammatorie.

 

Bibliografia

  1. D. Caterpillar Fungus (Ophiocordyceps sinensis) Production and Sustainability on the Tibetan Plateau and in the Himalayas. Asian Medicine 5 (2009) 291–316).
  2. 1997. An ancient Chinese secret promotes longevity and endurance. Healthy and Natural Journal, 3(3): 90-93.
  3. Shrestha and J.-M. Sung, “Notes on Cordyceps species collected from the central region of Nepal,” Mycobiology, vol. 33, no. 4, pp. 235–239, 2005. 

  4. Winkler D. The wild life of Yartsa Gunbu (Ophiocordyceps sinensis) on the Tibetan Plateau. Fungi (2017)Vol. 10:1
  5. Jia-Shi Zu, Georges M. Halpern, Kennet Jones. The scientific rediscovery of an ancient Chinese herbal medicine: Cordyceps sinensis – part I. The journal of Alternative and Complementary Medicine (1998) Vol.4(3): 289-303
  6. Zhu, Jia-Shi, Georges M. Halpern, and Kenneth Jones, 1998 [2]. The Scientific Rediscovery of an Ancient Chinese Herbal Medicine: Cordyceps sinensis Part II. Journal of Alternative and Complementary Medicine Vol 4, Num 4, pp  429-457
  7. Rakesh K Joshi. Phytochemical and medicinal aspect of Cordyceps sinensis (Berk.): A review. Journal of Medicinal Plants Studies 2016; 4(1): 65-67
  8. Zhao-Long W, Xiao-Xia W, Wei-Ying C. Inhibitory effect of Cordyceps sinensis and Cordyceps militaris on human glomerular mesangial cell proliferation induced by native LDL. Cell Biochem Funct. 2000 Jun;18(2):93-7.
  9. Lu L. Zhongguo Zhong Xi Yi Jie He Za Zhi. Study on effect of Cordyceps sinensis and artemisinin in preventing recurrence of lupus nephritis. Alternative Medicine Review (2002). Vol 22:169-171
  10. Fang Zhong, Xia Liu, Qiao Zhou, Xu Hao, Ying Lu, Shanmai Guo, Weiming Wang, Donghai Lin, and Nan Chen.1H NMR spectroscopy analysis of metabolites in the kidneys provides new insight into pathophysiological mechanisms: applications for treatment with Cordyceps sinensis. Nephrol. Dial. Transplant. (2011) doi: 10.1093/ndt/gfr368
  11. Hua-Pin Wang, Ching-Wen Liu, Hsueh-Wen Chang, Jen-Wei Tsai, Ya-Zhu Sung, Li-Ching Chang. Cordyceps sinensis protects against renal ischemia/reperfusion injury in rats Molecular Biology Reports
. 2013, Vol 40(3):2347–2355
  12. Kai Zhao, Yongjian Li, Hong Zhang. Role of Dongchongxiacao (Cordyceps) in prevention of contrast-in- duced nephropathy in patients with stable angina pectoris. J Tradit Chin Med (2013); 33(3): 283-286
  13. Sung-Hsun Yu, Navneet Kumar Dubey, Wei-Shan Li, Ming-Che Liu, Han-Sun Chiang, Sy-Jye Leu, Ying-Hua Shieh, Feng-Chou Tsai, Win-Ping Deng. Cordyceps militaris Treatment Preserves Renal Function in Type 2 Diabetic Nephropathy Mice. PLoS One.2016 Nov 10;11(11):e0166342. doi: 10.1371/journal.pone.0166342. eCollection 2016
  14. Yue GG, Lau CB, Fung KP, Leung PC, Ko WH Effects of Cordyceps sinensis, Cordyceps militaris and their isolated compounds on ion transport in Calu-3 human airway epithelial cells. J Ethnopharmacol (2008) 117:92–101
  15. SJ Wang, W Bai, CL Wang, and Z Dai. Effects of cordyceps sinensis on bleomycin-induced pulmonary fibrosis in mice. Zhongguo Zhong Yao Za Zhi, 2007; 32(24): 2623-7.
  16. Eliza L.Y. Wong, Rita Yn Tz Sung, Ting Fan Leung, Yeuk Oi Wong, Albert, Kam Lau Cheung, Chun Kwok Wong, Tai Fai Fok, and Ping Chung Leung. Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Trial of Herbal Therapy for Children with Asthma. The Journal of Alternative and Complementary Medicine (2009) Vol.15(10):1091–1097

  17. W Sun, J Yu, YM Shi, H Zhang, Y Wang, and BB Wu. Effects of Cordyceps extract on cytokines and transcription factors in peripheral blood mononuclear cells of asthmatic children during remission stage. Zhong Xi Yi Jie He Xue Bao (2010); 8(4): 341-6.
  18. Mrinalini Singh, Rajkumar Tulsawani, Praveen Koganti, Amitabh Chauhan, Manimaran Manickam, and Kshipra Misra. Cordyceps sinensis Increases Hypoxia Tolerance by Inducing Heme Oxygenase-1 and Metallothionein via Nrf2 Activation in Human Lung Epithelial Cells. BioMed Research International
Volume 2013, Article ID 569206, 13 pages http://dx.doi.org/10.1155/2013/569206
  19. Tianzhu Z, Shihai Y, Juan D The effects of cordycepin on ovalbumin-induced allergic inflammation by strengthening Treg response and suppressing Th17 responses in ovalbumin- sensitized mice. Inflammation (2015) 38:1036–1043 

  20. Ailing LiuJinxiang Wu,  Aijun Li, Wenxiang BiTian LiuLiuzhao CaoYahui Liu, and  Liang Dong. The inhibitory mechanism of Cordyceps sinensis on cigarette smoke extract-induced senescence in human bronchial epithelial cells. Int J Chron Obstruct Pulmon Dis
  21. Mei QB, Tao JY, Gao SB, Xu GC, Chen LM, Su JK
. Antiarrhythmic effects of Cordyceps sinensis (Berk.) Sacc. China Journal of Chinese Materia Medica 1989, 14(10):616-8, 640
  22. Xiao-Feng Yan, Zhong-Miao Zhang, Hong-Yi Yao, Yan Guan, Jian-Ping Zhu, Lin-Hui Zhang, Yong-Liang Jia, Ru-Wei Wang Cardiovascular Protection and Antioxidant Activity of the Extracts from the Mycelia of Cordyceps Sinensis Act Partially Via Adenosine Receptors. Phytother Res.2013 Nov;27(11):1597-604.
  23. Kazuki Nakamura, Yu Yamaguchi, Satomi Kagota, Kazumasa Shinozuka and Masaru Kunitomo. Activation of in vivo Kupffer cell function by oral administration of Cordyceps sinensis in rats, Jpn J Pharmacol. (1999) Vol.79: 505-508
  24. Yu-Kan Liu, Wei Shen. Inhibitive effect of cordyceps sinensis on experimental hepatic fibrosis and its possible mechanism. World J Gastroenterol 2003;9(3):529-533
  25. Wang-Sheng Ko, Shih-Lan Hsu, Charng-Cherng Chyau, Kuan-Chou Chen, Robert Y. Peng. Compound Cordyceps TCM-700C exhibits potent hepatoprotective capability in animal model. Fitoterapia (2010); 81: 1–7
  26. Gong HY, Wang KQ, Tang SG, Hunan Yi Ke Da Xue Xue Bao, Hunan Yike, Daxue Xuebao. Effects of cordyceps sinensis on T lymphocyte subsets and hepatofibrosis in patients with chronic hepatitis B. Bulletin Of Hunan Medical University [Hunan Yi Ke Da Xue Xue Bao], ISSN: 1000-5625, 2000 Jun 28; Vol. 25 (3), pp. 248-50;
  27. B. Ng, H. X. Wang. Pharmacological actions of Cordyceps, a prized folk medicine. Journal of Pharmacy and Pharmacology (2005) Vol. 57(12): 1509–1519
  28. Seu-MeiWang , Li-JenLee, Wan-WanLin, Chun-MinChang. Effects of a water-soluble extract of Cordyceps sinensis on steroidogenesis and capsular morphology of lipid droplets in cultured rat adrenocortical cells. Journal of Cellular Biochemistry (1998) vol. 69(4):483-489.
  29. Bu Miin Huang, Yu Ming Chuang, Chieu Fu Chen, and Sew Fen Leu. Effect of extracted Cordyceps sinensis on steroidogenesis in MA-10 Mouse Leydig tumor cells. Biol.Pharm.Bull (2000) Vol.23(12):1532-1535.
  30. Bu-Miin Huang, Sy-Yeuan Ju, Ching-Shyi Wu, Woei-Jer Chuang, Chia-Chin Sheu, and Sew-Fen Leu. Cordyceps sinensis and Its Fractions Stimulate MA-10 Mouse Leydig Tumor Cell Steroidogenesis. Journal of Andrology (2001), Vol. 22(5):831–837
  31. Bu-Miin Huang,Kuei-Yang Hsiao, Pei-Chin Chuang, Meng-Hsing Wu,Hsien-An Pan, and Shaw-Jenq Tsai. Upregulation of Steroidogenic Enzymes and Ovarian 17 -Estradiol in Human Granulosa-Lutein Cells by Cordyceps sinensis Mycelium. Biology Of Reproduction (2004) 70, 1358–1364
  32. Wen-Hung Lin, Ming-Ta Tsai
, Yuh-Shuen Chen
, Rolis Chien-Wei Hou, Hsiao-Fang Hung, Ching-Hsiao Li and Hsin-Kai Wang, Min-Nan Lai
, and Kee-Ching G. Jeng
. Improvement of Sperm Production in Subfertile Boars by Cordyceps militaris Supplement. The American Journal of Chinese Medicine (2007) Vol. 35(4): 631–641
  33. L. Wong, E. Cheung So, C. C. Chen and R. S. C. Wu, and B.-M. Huang. Regulation of Steroidogenesis by Cordyceps sinensis Mycelium Extracted Fractions with (hCG) Treatment in Mouse Leydig Cells. Archives of Andrology (2007), Vol.53:75–77,
  34. Ying Chang, Kee-Ching Jeng, Kuei-Fen Huang, Ying-Chung Lee, Chien-Wei Hou, Kuan-Hao Chen, Fu-Yen Cheng, Jiunn-Wang Liao, and Yuh-Shuen Chen. Effect of Cordyceps Militaris Supplementation on Sperm Production, Sperm Motility and Hormones in Sprague-Dawley Rats. The American Journal of Chinese Medicine (2008), Vol. 36, No. 5, 849–859
  35. Sew-Fen Leu, Song Ling Poon, Hsiang-Yin Pao, and Bu-Miin Huang
  36. The in Vivo and in Vitro Stimulatory Effects of Cordycepin on Mouse Leydig Cell Steroidogenesis. Biotechnology, and Biochemistry (2011), 75:4, 723-731
  37. Pao HY, Pan BS, Leu SF, Huang BM.
Cordycepin stimulated steroidogenesis in MA-10 mouse Leydig tumor cells through the protein kinase C Pathway. J Agric Food Chem. 2012 May 16;60(19):4905-13
  38. Sohn SH, Lee SC, Hwang SY, Kim SW, Kim IW, Ye MB, Kim SK. Effect of long-term administration of cordycepin from Cordyceps militaris on testicular function in middle-aged rats. Planta Med. 2012 Oct;78(15):1620-5
  39. Kanitta Jiraungkoorskul and Wannee Jiraungkoorskul. Review of Naturopathy of Medical Mushroom, Ophiocordyceps Sinensis, in Sexual Dysfunction. Pharmacogn Rev. 2016 Jan-Jun; 10(19): 1–5
  40. Yung-Chia Chen, Ying-Hui Chen, Bo-Syong Pan, Ming-Min Chang, Bu-Miin Huang. Functional study of Cordyceps sinensis and cordycepin in male reproduction: A review. Journal of Food and Drug Analysis. (2017), 25: 197-205
  41. Rajesh Kumar, PS Negi, Bhagwat Singh, Govindasamy Ilavazhagan, Kalpana Bhargava, Niroj Kumar Sethy. Cordyceps sinensis promotes exercise endurance capacity of rats by activating skeletal muscle metabolic regulation. Journal of ethnopharmacology (2011); 136: 260-266
  42. Paola Rossi, Daniela Buonocore, Elisa Altobelli, Federico Brandalise, Valentina Cesaroni, Davide Iozzi, Elena Savino, and Fulvio Marzatico. Improving Training Condition Assessment in Endurance Cyclists: Effects of Ganoderma lucidum and Ophiocordyceps sinensis Dietary Supplementation. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2014, Article ID 979613, 11 pages
  43. Zhang, Z.H.W., Liao, S., Li, J., Lei, L., Lui, J., Leng, F., Gong, W., Zhang, H., Wan, L., Wu, R., Li, S., Luo, H., Zhu, F., 1995. Clinical and laboratory studies of JinShuiBao in scavenging oxygen free radi- cals in elderly senescent XuZheng patients. Journal of Administration Traditional Chinese Medicine (1995), 5.
  44. Nam Sook Park, Kwang Sik Lee, Hung Dae Sohn, Do Hoon Kim, Sang Mong Lee, Eunju Park, Iksoo Kim, Yeon Ho Je, Byung Rae Jin. Molecular cloning, expression, and characterization of the Cu,Zn superoxide dismutase (SOD1) gene from the entomopathogenic fungus Cordyceps militaris. Mycologia, 97(1), 2005, pp. 130–138.

  45. Zun-sheng Wang, Yu-xiang Gu, Qin-sheng Yuan.Effect of Nutrition Factors on the Synthesis of Superoxide Dismutase, Catalase, and Membrane Lipid Peroxide Levels in Cordyceps militaris Mycelium. Current Microbiology (2006) Vol. 52: 74–79

  46. Deng-Bo Ji, Jia Ye, Chang-Ling Li, Yu-Hua Wang, Jiong Zhao and Shao-Qing Cai. Antiaging Effect of Cordyceps sinensis Extract. Phytother. Res. (2009) 23, 116–122 

  47. WC Wong, JY Wu, and IF Benzie Photoprotective potential of Cordyceps polysaccharides against ultraviolet B radiation-induced DNA damage to human skin cells. 
Br J Dermatol, (2011); 164(5): 980-6.
  48. In Koo Hwang, Soon Sung Lim, Ki-Yeon Yoo, Yeon Sil Lee, Ho Gyoung Kim, Il-Jun Kang, Hyung Joo Kwon, Jinseu Park, Soo Young Choi, Moo-Ho Won. A Phytochemically Characterized Extract of Cordyceps militaris and Cordycepin Protect Hippocampal Neurons from Ischemic Injury in Gerbils. PlantaMed2008;74:114–119
  49. Bombi Lee, Jongbong Park, Jinhee Park, Hyun-Jae Shin, Sunoh Kwon, Mijung Yeom, Bongjun Sur, Sunghun Kim, Myunghwan Kim, Hyejung Lee, Suk Hoo Yoon, Dae-Hyun Hahm. Cordyceps Militaris improves neurite outgrowth in Neuro2A cells and reverses memory impairment in rats. Food Science and Biotechnology
(2011), Vol. 20(6): 1599-1608
  50. Li Z, Zhang Z, Zhang J, Jia J, Ding J, Luo R, Liu Z.Cordyceps militaris extract attenuates D-galactose-induced memory impairment in mice. J Med Food. (2012);15(12):1057-63.
  51. Neeranjini Nallathamby, Lee Guan-Serm, Sharmili Vidyadaran, Sri Nurestri Abd Malek, Jegadeesh Raman, and Vikineswary Sabaratnam. Ergosterol of Cordyceps militaris Attenuates LPS Induced Inflammation in BV2 Microglia Cells. Natural Product Communications (2015) Vol. 10 (6): 885-886.
  52. Cheng-Han Tsai, Yue-Horng Yen, John Po-Wen Yang
. Finding of polysaccharide-peptide complexes in Cordyceps militaris and evaluation of its acetylcholinesterase inhibition activity. Journal of Food and Drug Analysis (2015); 23: 63-70
  53. H. Quyen, T.P.H. Yen, V.T. Xuyen, D.M. Hiep, T.B. Nguyen, P.N.D. Hoang. Study on the Ability of Extracts from Cordyceps Spp. Biomass to Prevent Long-Term Memory Impairment in Mice by Morris Water Maze. Journal of Agricultural Technology 2016 Vol. 12(7.2):2171-2180
  54. Wong, Ying Ying, et al. “Cordycepin inhibits protein synthesis and cell adhesion through effects on signal transduction.” Journal of Biological Chemistry 285.4 (2010): 2610-2621.
  55. Kondrashov, Alexander, et al. “Inhibition of polyadenylation reduces inflammatory gene induction.” Rna 18.12 (2012): 2236-2250.
  56. Ashraf, S., et al. “OP0183 Cordycepin, a novel compound, reduces knee joint pathology and pain in the monosodium iodoacetate (MIA) rat model of osteoarthritis.” (2017): 127-128.

 

La micoterapia a sostegno dello sportivo

La micoterapia a sostegno dello sportivo

I funghi medicinali sono rimedi che rientrano nella categoria degli adattogeni, ossia sostanze di regolazione neuroendocrina e metabolica in grado di preparare e di rinforzare l’organismo nella risposta a stress di ogni genere, tra cui quelli ambientali, fisici e mentali.

Il concetto di “adattogeni” fu inserito da N.V.Lazarev nel 1947, che li definì “sostanze in grado di determinare uno stato di resistenza ‘non specifica’ agli stressors di qualsiasi natura”.
Tale definizione fu poi affinata nel 1969 da Brekhman e Dardymov, che li classificarono come:

1) sostanze non tossiche per l’organismo;

2) che non hanno proprietà farmacologiche specifiche e che aumentano la resistenza aspecifica a fattori di stress biologici, chimici e fisici;

3) in grado di esercitare un’azione di regolazione, con effetto normalizzante, di vari organi e sistemi dell’organismo.

In quest’ottica si tratta di rimedi che aiutano a ridurre i danni indotti dallo stress e permettono di recuperare dalla stanchezza, dalle infezioni e da stati di depressione psico-fisica e che, in particolare sotto stress, permettono di aumentare la performances fisiche, mentali e cognitive. A differenza degli stimolanti del sistema nervoso e degli anabolizzanti, gli adattogeni non deprimono le risorse plastiche ed energetiche dell’organismo e non danno effetti collaterali né astinenza una volta smesso il loro utilizzo. Sono considerati “sicuri”, non alterano le funzioni dell’organismo nè spostano equilibri fisiologici, ma hanno azione normalizzante e favoriscono il recupero da stati patologici, indipendentemente dalla loro natura.

I primi studi sugli adattogeni furono effettuati in Russia e misero in evidenza la capacità di questi nutrienti di migliorare le prestazioni fisiche, oltre che mentali. In passato hanno destato molto interesse la Rhodiola rosea, l’Eleutherococcus senticosus, la Schizandra chinensis e il Panax ginseng e i risultati, sia quelli osservazionali sulla base dell’utilizzo diretto, che quelli riportati nei lavori scientifici, si sono rivelati particolarmente interessanti. Numerosi sono al giorno d’oggi gli studi che hanno dimostrato che il loro utilizzo, oltre a migliorare le prestazioni sportive, permette di prevenire anche i danni tissutali da sforzo, in particolar modo muscolari e articolari, per motivi che descriveremo dettagliatamente più avanti.

Riprendendo in mano le definizioni di adattogeni di Lazarev, Brekhman e Dardimov e applicandole allo sport, possiamo dire che queste sostanze:
• riducono il danno indotto da stress ed esercitano un’azione anti-fatica e di miglioramento del recupero dopo sforzo (inteso come stress);
• hanno un effetto di stimolo dell’utilizzo energetico cellulare e muscolare e conferiscono all’organismo una maggiore potenza e capacità di reazione in situazioni stressogene e di fatica;
• non portano ad esaurimento le riserve energetiche come fanno gli stimolanti, né danneggiano le strutture plastiche del corpo;
• sono assolutamente conservativi, non perturbano equilibri funzionali dell’organismo, ma esercitano piuttosto un’azione di normalizzazione che è indipendente dallo stato patologico eventualmente in atto.

Sulla base di queste caratteristiche possiamo definire con precisione la differenza tra adattogeni e stimolanti. Studi su cavalli da corsa supplementati con stimolanti quali le anfetamine hanno dimostrato che quelle che vengono accresciute sono la forza e la potenza per breve tempo; a questo iniziale periodo di “spinta”, ne segue uno successivo di capacità fisiche ridotte. Quando al contrario vengono utilizzati gli adattogeni, questo calo di prestazioni non avviene: la capacità di risposta non è come quella indotta da uno stimolante, pur rimanendo significativa, è di certo inferiore, ma non è seguita dall’esaurimento fisico conseguente all’uso di stimolanti. (1,2)

Tra i funghi, i più studiati a livello sportivo sono il Cordyceps sinensis e il Ganoderma lucidum, anche se a volte meno considerati perché meno conosciuti.

Per quanto riguarda l’uomo queste sostanze non solo permettono di ridurre l’affaticamento e di incrementare la resistenza fisica, ma anche di aumentare la presenza, la determinazione mentale e la resistenza allo stress. Le proprietà anti-fatica degli adattogeni sono state ben descritte in numerosi lavori scientifici e sono collegate a numerose azioni fisiologiche e molecolari. Questi nutrienti sono innanzitutto in grado di regolare i livelli dei mediatori dello stress, in particolare del cortisolo e dell’ossido nitrico (NO), oltre che di altre sostanze meno note (protein chinasi, p-SAPK, pJNK ed altre).

Il cortisolo endogeno e l’NO sono importanti durante lo sforzo fisico per aiutare il corpo ad adattarsi agli allenamenti pesanti, orientati alla prestazione. In questa fase gli adattogeni favoriscono anche l’espressione genica di alcune Heat Shock Proteins (Hsp70 e Hsp16) in reazione allo stress e l’aumento della biosintesi di ATP, per fornire una supplementazione di energia cellulare all’organismo attraverso la regolazione del metabolismo energetico, con aumento dei livelli di glucosio-6P-DH (G-6-PDH) coinvolto nel metabolismo dei carboidrati, nella produzione di energia e nella sintesi di DNA e di proteine. Vengono inoltre potenziati i sistemi antiossidanti, che favoriscono il recupero tissutale dopo l’allenamento o la prestazione.

Si tratta di rimedi che effettuano una modulazione bidirezionale per permettere all’organismo di recuperare velocemente l’equilibrio. (3,4,5)

La loro modalità di azione è principalmente associata allo stress e alla capacità di regolare l’organismo in diverse direzioni (inibizione o stimolazione), a seconda del contesto che si viene a creare. Durante l’attività fisica intensa, ad esempio, il nostro corpo deve effettuare continui adattamenti per mantenere la salute e l’equilibrio e per continuare a mantenere efficaci tutti quei processi fisiologici attivati durante l’esercizio. Essi regolano l’ambiente interno in risposta alle richieste per mantenere una stabilità (omeostasi), garantendo all’organismo strumenti per il raggiungimento di prestazioni migliori in presenza di stress fisico e mentale.

Cordyceps sinensis – foto di Stefania Cazzavillan

Il Cordyceps sinensis (Dong Chongxia Cao in Cina e Tochukaso in Giappone) è un fungo Ascomicete parassita di un insetto, che cresce ad altezze superiori a 3000 metri in Tibet. Il corpo fruttifero si estende in primavera dalle carcasse mummificate della larva Himalayana Caterpillar (Hepialis armoricanus). È anche chiamato “insetto d’inverno, pianta d’estate” per il fatto che d’inverno il fungo colonizza l’insetto e in primavera lo mummifica e lo uccide per sviluppare in seguito il corpo fruttifero. Nella tradizione Tibetana è considerato un potente tonico, più forte del Ginseng, un rimedio per la stanchezza, la fatica e per la convalescenza dopo malattie debilitanti; ha un largo seguito che lo ritiene un afrodisiaco sia nell’uomo che nella donna e un trattamento efficace in alcuni tipi di impotenza.

Nel 1993 ai “Campionati Mondiali di atletica di Stoccarda” atlete cinesi conquistarono la medaglia d’oro nelle gare dei 1.500, 5.000 e 10.000 metri con abbattimento dei rispettivi record mondiali. Nel Settembre dello stesso anno ai “Seventh Chinese National Games” a Pechino le stesse atlete abbatterono 3 record mondiali, riducendo tra l’altro di 42” il precedente record nei 10.000 m (Wang Junxia).

Wang Junxia

“Il segreto è il Cordyceps” – affermò l’allenatore – “una sostanza naturale completamente priva di effetti collaterali”… e aggiunse che si aspettava una performance spettacolare ai “Giochi Olimpici di Atlanta” nel 1996 – Wang Junxia vinse l’oro nei 5.000 metri e fu la prima atleta cinese a vincere una lunga distanza alle Olimpiadi.
Da allora il Cordyceps ha attirato l’attenzione e ha cominciato ad essere studiato più approfonditamente.

La sua efficacia nel miglioramento delle funzioni vitali e dell’energia generale dell’organismo ha un notevole supporto nella letteratura scientifica. Le sue naturali condizioni di crescita ad altezze così elevate nell’altopiano Hymalaiano, caratterizzate da basse temperature e ridotta concentrazione di ossigeno, hanno indotto questo fungo ad ottimizzare le sue capacità di utilizzazione dell’ossigeno e di produzione di energia cellulare; queste caratteristiche lo rendono particolarmente utile negli sportivi per migliorare la performance soprattutto aerobica. I suoi effetti nell’organismo sono molteplici. Innanzitutto migliora e permette di mantenere più a lungo un metabolismo aerobico, procrastinando l’entrata del muscolo nel metabolismo lattacido e quindi rende il muscolo reattivo e ossigenato più a lungo. Migliora la tolleranza all’ipossia e favorisce l’eliminazione dell’acido lattico dal muscolo; riduce inoltre la costrizione bronchiale, migliora la funzionalità cardiaca e potenzia i sistemi antiossidanti. (6, 7,8,9,10)

Si tratta di un fungo che sostiene l’anabolismo muscolare, grazie alla sua capacità di potenziare l’attività ormonale, cosa che esplica favorendo la formazione di precursori ormonali del testosterone. Ha infatti la capacità di convogliare il colesterolo nel mitocondrio favorendo la sua trasformazione in pregnenolone, precursore del DHEA e del testosterone. Uno studio su ciclisti master pubblicato dall’Università di Pavia ha dimostrato che l’associazione di Cordyceps sinensis e Ganoderma lucidum, dopo 3 mesi di supplementazione, portava ad una migliore risposta adattativa al sovraccarico conseguente all’esercizio fisico, che si è espressa con un aumento del rapporto Testosterone/Cortisolo (T/C). Questo dato riflette l’aumento dei livelli di testosterone (+249,5%) e il calo dei livelli di cortisolo (-77,1%).

Dopo 1 mese dall’interruzione dell’integrazione (periodo di allenamento sotto placebo finale) il rapporto T/C tendeva a diminuire e non mostrava una significativa differenza rispetto al placebo iniziale (periodo di trattamento con placebo prima di iniziare la supplementazione). L’assunzione di Cordyceps sinensis e Ganoderma lucidum è stata in grado di migliorare significativamente le prestazioni e di modulare e ridurre la sindrome da sovrallenamento (overtraining syndrome, OTS). In questo caso il testosterone è prodotto dopo sforzo fisico ed è la risposta dell’organismo alla richiesta dell’organismo stesso. La sua azione, in assenza di sforzo fisico, è collegata alla formazione dei precursori ormonali. (11)

Ganoderma lucidum

Il Ganoderma lucidum o Reishi è un’ottima associazione al Cordyceps sinensis nello sportivo. Anche il Ganoderma lucidum ha una forte capacità ossigenante, grazie agli elevati livelli di Germanio in esso contenuti. Il Germanio favorisce inoltre la formazione di endorfine, che migliorano la gestione del dolore e dell’infiammazione. La sua azione di protezione cardiaca lo rende particolarmente utile dopo i 35 – 40 anni, nel caso in cui l’organismo venga sottoposto a stress fisico prolungato. Vari studi scientifici hanno dimostrato che varie frazioni di questo fungo stimolano la produzione di sistemi antiossidanti, favorendo la protezione delle strutture cellulari dai danni legati allo stress ossidativo.

È importante ricordare che l’atleta è un soggetto sottoposto a forte ossidazione: non si può infatti produrre energia se non si attivano i processi respiratori (ossidativi) per convertire il substrato (ovvero i nutrienti) a livello cellulo-mitocondriale. Con il progredire dell’età la capacità di gestire lo stress ossidativo diminuisce, con conseguente aumentato rischio di danno all’organismo. Una delle caratteristiche del Reishi è anche quella di migliorare la risposta allo stress psico-fisico attraverso il controllo dell’infiammazione e dell’ipercortisolemia. L’eccesso di cortisolo è correlato ad un maggior rischio di danno muscolare e articolare e ad una ridotta capacità di recupero del muscolo dopo sforzo. Importante infine l’effetto a livello psicologico effettuato dal Reishi, il quale permette una migliore gestione dell’emotività e un aumento della concentrazione e della focalizzazione verso gli obiettivi. Per quanto possa essere allenato il corpo, la gara si vince con la testa! (12)

Entrambi i funghi sostengono il sistema muscolare e cardiovascolare. Il Cordyceps favorisce il trofismo muscolare, il Reishi rende il muscolo più reattivo e scattante ed entrambi favoriscono il metabolismo aerobico e proteggono il cuore. Dal punto di vista neuroendocrino il Cordyceps supporta l’anabolismo muscolare aumentando la produzione di precursori del testosterone, mentre il Reishi riduce i livelli di cortisolo, sostenendo le surrenali e controllando l’infiammazione, che può favorire il danno muscolare.

Le grammature consigliate sono 2 grammi di sinergie di micelio, corpo fruttifero ed estratto di entrambi, in modo da ottenere il massimo effetto utilizzando tutti i componenti di questi favolosi rimedi. Un’abbinata vincente quindi che permette di sostenere e proteggere il corpo durante lo sforzo fisico e di aumentare la risposta anche in condizioni di stress psicologico.

1. Hancke, J., et al. (1996). Reduction of serum hepatic transaminases and CPK in sport horses with poor performance treated with a standardized Schizandra chinensis fruit extract. Phytomedicine, 3(2), pp.237–240,
2. Hancke, J., et al (1994). Schizandra chinensis, a potential phytodrug for recovery of sport horses. Fitoterapia, 65(2), pp.113–118
3. Panossian, A. (2003). Adaptogens: Tonic herbs for fatigue and stress. Alt Comp Ther, 9(6), pp.327-32
4. Panossian, A., et al. (1999). Effects of heavy physical exercise and adaptogens on nitric oxide content in human saliva. 
Phytomedicine, 6(1), pp.17-26
5. Panossian, A. & Wikman, G. (2009). Evidence-Based Efficacy of Adaptogens in Fatigue, and Molecular 
Mechanisms Related to their Stress-Protective Activity. Curr Clin Pharmacol, Sep;4(3), pp.198-219
6. Dai, G.W.; Bao, T.T.; Xu, G.F.; Cooper, R.; Zhu, G.X. CordyMaxTM Cs-4 improves steady-state bioenergy status in mouse liver. The Journal of Alternative and Complementary Medicine 2001, 7, 231-240
7. M. Y. Hui, et al. “Comparison of protective effects between cultured Cordyceps militaris and natural Cordyceps sinensis against oxidative damage,” Journal of Agricultural and Food Chemistry, vol. 54, no. 8, pp. 3132– 3138, 2006
8. Y. Yamaguchi, S. Kagota, K. Nakamura, K. Shinozuka, and M. Kunitomo, “Antioxidant activity of the extracts from fruiting bodies of cultured Cordyceps sinensis,” Phytotherapy Research, vol. 14, pp. 647–649, 2000.
9. S. Chen, et al. “Effect of Cs-4 (Cordyceps sinensis) on exercise performance in healthy older subjects: a double-blind, placebo- controlled trial,” Journal of Alternative and Complementary Medicine, vol. 16, no. 5, pp. 585–590, 2010.
10. R.Kumar,P.S.Negi,B.Singh,G.Ilavazhagan,K.Bhargava,and N. K. Sethy, “Cordyceps sinensis promotes exercise endurance capacity of rats by activating skeletal muscle metabolic regula- tors,” Journal of Ethnopharmacology, vol. 136, no. 1, pp. 260–266, 2011.
11. Rossi P. et al. “Improving Training Condition Assessment in Endurance Cyclists: Effects of Ganoderma lucidum and Ophiocordyceps sinensis Dietary Supplementation. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine”. Volume 2014, Article ID 979613, 11 pages
12. Batra P et al. Probing Lingzhi or Reishi medicinal mushroom Ganoderma lucidum (higher Basidiomycetes): a bitter mushroom with amazing health benefits. Int J Med Mushrooms. 2013;15(2):127-43.

I funghi medicinali come alimenti funzionali nella prevenzione del diabete 2

I funghi medicinali come alimenti funzionali nella prevenzione del diabete 2

Il 1 febbraio 2018 è stato pubblicato un allarmante articolo su ANSA: “Diabete, 3,7 milioni i malati ma 7 milioni a rischio di svilupparlo” . Dati decisamente preoccupanti, soprattutto per il fatto che molte persone affette da sovrappeso e alterazioni del metabolismo (sindrome metabolica) son sono coscienti del fatto che si tratta di sintomi che predispongono allo sviluppo del diabete 2.

Con la “civiltà del benessere” la sindrome metabolica e il diabete 2 sono in crescita continua. Tali condizioni predispongono all’aumento della mortalità per malattie cardiovascolari (infarto, inctus…), per problemi renali e aumentano il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative e oncologiche. Esistono numerosi farmaci per la gestione del diabete efficaci nel controllo dell’iperglicemia, ma hanno numerosi effetti collaterali e nel tempo non riescono comunque a gestire le complicazioni associate alla malattia diabetica.

La combinazione di un’alimentazione adeguata, attività fisica e utilizzo di sostanze naturali tra cui i funghi medicinali, si è dimostrata efficace nella prevenzione e controllo sia del diabete 2 che delle sue complicazioni, ed è completamente priva di effetti collaterali.

Ci sono 2 tipi di diabete: diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 1 è una malattia caratterizzata dalla distruzione da parte del sistema immunitario delle cellule beta del pancreas adibite alla produzione di insulina con conseguente deficit di insulina che deve essere ripristinata dall’esterno. Per questo si chiama diabete insulino-dipendente. È spesso giovanile, anche se può comparire ad ogni età, e ha un’insorgenza “acuta”.

Il diabete di tipo 2 invece mantiene integra la funzione del pancreas, ma è caratterizzato da insulino-resistenza. È legato ad alterazioni del metabolismo e alla presenza di infiammazione cronica di basso grado. Comporta aumento di grasso di deposito nell’area viscerale (addominale) e l’alterazione di numerosi parametri come l’alterazione della glicemia, del profilo lipidico (colesterolo, HDL, trigliceridi) e la comparsa di sintomatologie quali ipertensione, obesità, aumentato rischio cardiovascolare, alterazioni della funzione renale e molte altre. Nei paesi sviluppati, con l’aumento della sedentarietà e la modifica delle abitudini alimentari, il diabete 2 è in aumento esponenziale. Tipicamente si sviluppa nell’adulto, ma si assiste recentemente a un aumento anche nella popolazione giovane anche in età scolastica.

I funghi possono essere definiti “cibi funzionali o nutraceutici ad azione adattogena”. Sono in effetti alimenti ricchi di sostanze nutrienti che permettono di regolare le funzioni immunitarie e neurologiche e di migliorare il metabolismo. Contengono minerali, aminoacidi, metaboliti secondari con azioni importanti sulla salute, polisaccaridi attivi nel sostegno del sistema immunitario, precursori della vitamina D e della vitamina E, e molto altro. Nella storia e nella tradizione medicinale antica sono stati selezionati alcuni funghi considerati particolarmente potenti per il mantenimento e il recupero della salute.

Nell’area metabolica per molti funghi è stata descritta un’azione terapeutica sul controllo della glicemia, dell’ipercolesterolemia, dell’ipertrigliceridemia, dell’ipertensione e del diabete 2. Tali effetti sono stati correlati alla presenza di fibre e polisaccaridi (beta-glucani), ma nel tempo gli studi scientifici hanno dimostrato un’azione ben più profonda e articolata orientata al recupero della salute effettuata da numerose altre molecole bioattive in essi contenute. Per molti funghi è stata infatti dimostrata azione antitumorale, antivirale, antitrombotica, anti-ipertensiva, di controllo della glicemia, di miglioramento della memoria e della concentrazione e anti-aging.
Tra i funghi più studiati per la sindrome metabolica e il diabete 2 vi sono la Grifola frondosa o Maitake e il Coprinus comatus, ma si sono dimostrati molto utili anche l’Agaricus blazei Murrill, il Ganoderma lucidum (Reishi), l’Auricularia auricula judae e il Cordyceps sinensis.

La Grifola frondosa (Maitake) è chiamato anche il fungo del metabolismo. Oltre all’elevata quantità di beta-glucani, ha dimostrata attività anti-amilasica e anti-glucosidasica, la più potente tra tutti i funghi ad oggi studiati, che permette un elevato controllo dell’iperglicemia. In pratica inibisce la funzione di enzimi, come l’alfa-glucosidasi, che sono deputati al processo di digestione e utilizzazione dei caboidrati nell’intestino, riducendo l’iperglicemia post-prandiale. (1,2)

Inoltre sono ampiamente dimostrati in letteratura i suoi effetti di miglioramento della sensibilità insulinica e di riduzione della resistenza insulinica periferica, di regolazione dei livelli di glicemia, di emoglobina glicata, dei grassi nel sangue e di tutta una serie di parametri metabolici che possono risultare alterati in questa condizione clinica; conseguentemente contribuisce al controllo del peso e delle sintomatologie associate al diabete 2 quali ad esempio l’ipertensione. (3-7)

Il Coprinus comatus è un fungo ricco in vanadio che è stato studiato in modelli di diabete sia di tipo 1 che di tipo 2. Il vanadio ha infatti attività revitalizzante delle cellule beta del pancreas deputate alla produzione di insulina, quindi la sua assunzione può essere di aiuto anche in presenza di diabete 1 (autoimmune). In ogni caso è risultato molto efficace nella riduzione della glicemia e dell’emoglobina glicata anche nel diabete di tipo 2. Da questo fungo è stata isolata una sostanza chiamata “comatina” con effetti ipoglicemizzanti, in grado di inibire la glicosilazione non enzimatica e di migliorare la sensibilità periferica all’insulina. (8-11)

Il Ganoderma lucidum (Reishi) è un fungo con storia millenaria di utilizzo in Cina, ed è conosciuto anche come fungo della longevità o dell’immortalità. La sua somministrazione migliora la gestione della glicemia nel topo e i suoi effetti, oltre che alla riduzione dell’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale, sono stati attribuiti anche alla sua importante azione anti-infiammatoria e anti-ossidante. È stato dimostrato che facilità il rilascio di insulina da parte delle cellule pancreatiche e che migliora significativamente la sensibilità periferica all’insulina e riduce la glicazione proteica. Tali effetti dipendono molto anche dalla sua capacità di migliorare la composizione e l’attività della flora microbica intestinale (microbiota e microbioma). Una peculiarità importante del Ganoderma lucidum nella gestione del diabete 2 è la sua importante protezione cardiovascolare, soprattutto in considerazione del fatto che il rischio cardiovascolare nei soggetti affetti da diabete 2 è di 10 volte superiore rispetto a soggetti sani. (12-16)

L’Auricularia auricula-judae è un fungo gelatinoso a forma di orecchio (chiamato anche orecchio di Giuda) e di colore rosso scuro a volte quasi nero. È molto popolare in Cina dove viene usato per ridurre il “calore” del corpo, ossia l’infiammazione. Ha effetto ipoglicemizzante grazie alla grande quantità di fibre e mucillagini che contiene; contiene un elevato livello di melanina e polifenoli che gli conferiscono attività anti-ossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la resistenza insulinica. È un fungo molto interessante anche per la sua funzione di protezione epatica, di fluidificazione della bile e di miglioramento delle funzioni intestinali. Nel diabete 2 la funzione epato-biliare è in genere compromessa e condiziona la salute dell’intestino; per questo motivo il sostegno con Auricularia potrebbe risultare particolarmente efficace. Come il Ganoderma inoltre, esercita un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare con riduzione del rischio di aterosclerosi e di infarto e ictus. (17-22)

Il Cordyceps sinensis è un fungo che cresce nell’altopiano Tibetano, tra i 3600 e i 5000 metri, parassita di un insetto (Hepialis armoricanus) che ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tibetana. È uno dei funghi più interessanti per le sue articolate proprietà sulla salute. La sua efficacia è stata dimostrata anche nella gestione della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 dove migliora la gestione della glicemia e riduce efficacemente la glicazione proteica. Uno degli effetti più interessanti del Cordyceps, probabilmente correlato alla sua azione di riequilibrio ormonale, è la sua capacità di migliorare il rapporto massa magra/massa grassa che corrisponde ad un miglioramento del metabolismo e della salute. Ha azione antiossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la sensibilità periferica all’insulina e ha dimostrato effetti protettivi a livello cardiovascolare, renale e neurologico. La sua azione ossigenante e antiossidante permettono di migliorare il metabolismo a livello cellulare riducendo anche il rischio di degenerazione oncologica. (23-30)

L’Agaricus blazei Murrill è molto studiato per la sua attività di potenziamento immunitario e antitumorale. La sua assunzione nell’uomo è stata associata a riduzione della massa grassa, in particolare viscerale, a miglioramento dei rapporti dei lipidi nel sangue (colesterolo, HDL, trigliceridi) e ad un miglioramento della gestione della glicemia. La sua associazione con il Corpinus comatus migliora la sintomatologia associata al diabete 1. In numerosi studi è stata dimostrata la sua attività anti-iperglicemica, ipocolesterolemica e antisclerotica evidenziando un’attività antidiabetica generale con miglioramento della resistenza insulinica. Interessante la sua capacità di aumentare la concentrazione di adiponectina (sostanza chiamata anche “bruciagrassi”) che favorisce la perdita del grasso accumulato nell’area viscerale.

La sua azione è stata studiata anche insieme a farmaci antidiabetici con miglioramento della funzione e riduzione degli effetti collaterali. (31-33)

Questa generale panoramica dell’azione dei funghi sul metabolismo e sulla prevenzione e gestione del diabete 2 permette di comprendere come essi agiscano in modo profondo e articolato. Ognuno di essi ha peculiarità che possono influire sulla scelta di quale fungo utilizzare in particolari condizioni e sintomatologie. È anche molto interessante notare che il loro utilizzo può essere effettuato in concomitanza con i farmaci con i quali non interferiscono, anzi, ne ottimizzano la funzione riducendone gli effetti collaterali.
Poiché la sindrome metabolica e il diabete di tipo 2 sono in crescita esponenziale e condizionano in modo importante la salute e la qualità della vita delle persone affette, può essere molto utile considerare l’utilizzo di questi “super-alimenti funzionali” soprattutto in prevenzione, per ridurre il rischio di sviluppo di tali patologie.

Bibliografia
1. Su, Chun‐Han, et al. “Inhibitory potential of Grifola frondosa bioactive fractions on α‐amylase and α‐glucosidase for management of hyperglycemia.” Biotechnology and applied biochemistry 60.4 (2013): 446-452.
2. Su, Chun-Han, Min-Nan Lai, and Lean-Teik Ng. “Inhibitory effects of medicinal mushrooms on α-amylase and α-glucosidase–enzymes related to hyperglycemia.” Food & function 4.4 (2013): 644-649.
3. Kubo, Keiko, Hisao Aoki, and Hiroaki Nanba. “Anti-diabetic activity present in the fruit body of Grifola frondosa (Maitake). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 17.8 (1994): 1106-1110.
4. Kubo, Keiko, and Hiroaki Nanba. “Anti-hyperliposis effect of maitake fruit body (Grifola frondosa). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 20.7 (1997): 781-785.
5. Horio, Hiroyuki, and Masaru Ohtsuru. “Maitake (Grifola frondosa) improve glucose tolerance of experimental diabetic rats.” Journal of nutritional science and vitaminology 47.1 (2001): 57-63.
6. Matsuura, Hideyuki, et al. “α-Glucosidase inhibitor from the seeds of balsam pear (Momordica charantia) and the fruit bodies of Grifola frondosa.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry66.7 (2002): 1576-1578.
7. Hong, Lei, Ma Xun, and Wu Wutong. “Anti‐diabetic effect of an α‐glucan from fruit body of maitake (Grifola frondosa) on KK‐Ay mice.” Journal of pharmacy and pharmacology 59.4 (2007): 575-582.
8. Han C, Liu T. A comparison of hypoglycemic activity of three species of basidiomycetes rich in vanadium. Biol Trace Elem Res 2009; 127: 177–82
9. Han, Chunchao, et al. “Hypoglycemic activity of fermented mushroom of Coprinus comatus rich in vanadium.” Journal of Trace Elements in Medicine and Biology 20.3 (2006): 191-196.
10. Han, Chunchao, Bo Cui, and Yingzi Wang. “Vanadium uptake by biomass of Coprinus comatus and their effect on hyperglycemic mice.” Biological trace element research 124.1 (2008): 35-39.
11. Ding, Zhongyang, et al. “Hypoglycaemic effect of comatin, an antidiabetic substance separated from Coprinus comatus broth, on alloxan-induced-diabetic rats.” Food chemistry 121.1 (2010): 39-43.
12. Zhang HN, Lin ZB. Hypoglycemic effect of Ganoderma lucidum polysaccharides. Acta 
Pharmacol Sin 2004; 25: 191–5.
13. Gao, Yihuai, et al. “A phase I/II study of Ling Zhi mushroom Ganoderma lucidum (W. Curt.: Fr.) Lloyd (Aphyllophoromycetideae) extract in patients with type II diabetes mellitus.” International Journal of Medicinal Mushrooms6.1 (2004).
14. Jia, Jie, et al. “Evaluation of in vivo antioxidant activities of Ganoderma lucidum polysaccharides in STZ-diabetic rats.” Food Chemistry 115.1 (2009): 32-36.
15. Seto, S. W., et al. “Novel hypoglycemic effects of Ganoderma lucidum water-extract in obese/diabetic (+ db/+ db) mice.” Phytomedicine 16.5 (2009): 426-436.
16. Ma, Haou-Tzong, Jung-Feng Hsieh, and Shui-Tein Chen. “Anti-diabetic effects of Ganoderma lucidum.” Phytochemistry 114 (2015): 109-113.
17. Yuan, Zuomin, et al. “Hypoglycemic effect of water-soluble polysaccharide from Auricularia auricula-judae Quel. on genetically diabetic KK-Ay mice.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry 62.10 (1998): 1898-1903.
18. Takeuchi, Hisanao, Puming He, and Lau Yan Mooi. “Reductive effect of hot-water extracts from woody ear (Auricularia auricula-judae Quel.) on food intake and blood glucose concentration in genetically diabetic KK-Ay mice.” Journal of nutritional science and vitaminology 50.4 (2004): 300-304.
19. Kim, Sung Kyu, et al. “Antidiabetic effect of Auricularia auricula mycelia in streptozotocin-induced diabetic rats.” Natural Product Sciences 13.4 (2007): 390-393.
20. Zhang, Hua, et al. “Purified Auricularia auricular-judae polysaccharide (AAP Ia) prevents oxidative stress in an ageing mouse model.” Carbohydrate polymers 84.1 (2011): 638-648.
21. Yang, Byung-Keun, et al. “Hypolipidemic effect of an exo-biopolymer produced from submerged mycelial culture of Auricularia polytricha in rats.” Biotechnology Letters 24.16 (2002): 1319-1325.
22. Chiu, Wan-Chun, et al. “Auricularia polytricha aqueous extract supplementation decreases hepatic lipid accumulation and improves antioxidative status in animal model of nonalcoholic fatty liver.” BioMedicine 4.2 (2014).
23. Lo, Hui-Chen, et al. “The anti-hyperglycemic activity of the fruiting body of Cordyceps in diabetic rats induced by nicotinamide and streptozotocin.” Life sciences 74.23 (2004): 2897-2908.
24. Lo, Hui-Chen, et al. “Anti-hyperglycemic activity of natural and fermented Cordyceps sinensis in rats with diabetes induced by nicotinamide and streptozotocin.” The American Journal of Chinese Medicine 34.05 (2006): 819-832.
25. Li, S. P., et al. “Hypoglycemic activity of polysaccharide, with antioxidation, isolated from cultured Cordyceps mycelia.” Phytomedicine 13.6 (2006): 428-433.
26. Kan, Wei-Chih, et al. “Effects of extract from solid-state fermented Cordyceps sinensis on type 2 diabetes mellitus.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2012 (2012).
27. Dong, Yuan, et al. “Studies on the antidiabetic activities of Cordyceps militaris extract in diet-streptozotocin-induced diabetic Sprague-Dawley rats.” BioMed research international 2014 (2014).
28. Ma, Li, Song Zhang, and Mei Du. “Cordycepin from Cordyceps militaris prevents hyperglycemia in alloxan-induced diabetic mice.” Nutrition Research 35.5 (2015): 431-439.
29. Kai, Zhao, et al. “Effect of Dongchongxiacao (Cordyceps) therapy on contrast-induced nephropathy in patients with type 2 diabetes and renal insufficiency undergoing coronary angiography.” Journal of Traditional Chinese Medicine 35.4 (2015): 422-427.
30. Takakura, Kentaro, et al. “Cordyceps militaris improves the survival of Dahl salt-sensitive hypertensive rats possibly via influences of mitochondria and autophagy functions.” Heliyon3.11 (2017): e00462.
31. Kim, Yea-Woon, et al. “Anti-diabetic activity of β-glucans and their enzymatically hydrolyzed oligosaccharides from Agaricus blazei.” Biotechnology letters 27.7 (2005): 483-487.
32. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.
33. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.

SOS Alzheimer: 2400 malati

SOS Alzheimer: 2400 malati

Pochi giorni fa, nel Giornale di Vicenza è apparso un titolo allarmante: SOS Alzheimer: 2400 malati, cala l’età.

Stress, farmaci e alimentazione inadeguata, di pari passo con il costante invecchiamento della popolazione predispongono allo sviluppo di malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e di Parkinson. Secondo l’OMS i casi i casi previsti di demenza e Alzheimer triplicheranno da 50 milioni a 152 milioni entro il 2050; per questo motivo l’OMS ha sviluppato e sta implementando il Global Dementia Observatory, una piattaforma di informazione, scambio e raccolta dati.

Non ci sono valide cure farmacologiche per le malattie neurodegenerative. Per questo la prevenzione è importante: lo stile di vita ha un ruolo protettivo importante per la salute “mentale” degli individui, ma possiamo prevenire anche con sostanze adattogene come i funghi medicinali. In particolare Ganoderma lucidum e Hericium erinaceus sono quelli considerati più efficaci.

Hericium erinaceus chiamato anche Yamabushitake e Houtou, è un fungo molto utilizzato nella tradizione orientale per tutte le problematiche gastroenteriche, e dai Nativi Americani dove era parte integrante della “borsa medicina” e veniva usato per favorire la cicatrizzazione delle ferite.

Da esso sono stati estratti composti a basso peso molecolare, erinacine dal micelio ed ericenoni dal corpo fruttifero, in grado di attraversare la barriera ematoencefalica e di indurre l’espressione genica del NGF da parte dell’astroglia. Queste due classi di molecole sono le prime sostanze attive naturali individuate, in grado di effettuare un’azione di recupero strutturale e funzionale dei neuroni cerebrali e con effetti di protezione neuronale, neuritogenesi e induzione di mielinizzazione.

Il Ganoderma lucidum o Reishi è il fungo più utilizzato in micoterapia per il riequilibrio del sistema nervoso autonomo, per la gestione dell’infiammazione e dello stress ossidativo che esercitano un ruolo centrale anche nello sviluppo del morbo di Alzheimer e di altre patologie neurodegenerative. Il Reishi antagonizza ed attenua la neurotossicità indotta dai depositi di -amiloide che contribuiscono allo sviluppo della malattia di Alzheimer. Uno studio Giapponese durato 8 mesi ha dimostrato che la sua assunzione da parte di pazienti affetti da malattia di Alzheimer induce significativi miglioramenti delle funzioni cognitive, dell’orientamento nello spazio e nel tempo e della memoria.

Come affermava Benjamin Franklin “An ounce of prevention is worth a pound of cure”, ossia “un grammo di prevenzione vale più di un kilogrammo di cura”.
È molto importante innanzitutto migliorare stile di vita e alimentazione, ma i funghi medicinali possono offrire un’importante strategia di prevenzione e un aiuto, in caso di malattia già conclamata, per rallentare la progressione di malattia.

Fly Agaric e l’iconografia del Natale

Fly Agaric e l’iconografia del Natale

La leggenda del Natale va molto oltre le allegre decorazioni che siamo abituati a fare e a vedere a partire dall’Avvento. Essa è molto più affascinante e, lasciatemi dire, intrigante. Alla base delle decorazioni e tradizioni simboliche vi sono radici “psichedeliche” e mistiche.

Pensiamo a Babbo Natale come un uomo vestito in bianco e rosso con un gran pancione ed una lunga barba bianca, che porta sacchi pieni di doni e arriva guidando una slitta trascinata da renne volanti.

Rosso e bianco sono i suoi colori, non potremmo pensarlo vestito diversamente, lui “è” i suoi vestiti e accessori; non potremmo mai pensare a Babbo Natale se arrivasse vestito in pelle nera e borchiato come un metallaro! Questo modo di vestire, tuttavia, è, a dir poco, singolare. Storicamente la figura di Santa Klaus che abbiamo ora del gioioso uomo paffuto con la barba viene fatta derivare da un vescovo del 4° secolo di nome Saint Nicholas, conosciuto per i generosi doni

che faceva ai poveri e per la sua gentilezza con i bambini. Era un cardinale che portava un lungo vestito rosso.

 

Ma i pantaloni, gli stivaloni e il berretto da dove derivano? Non caratterizzavano certo la figura di San Nicholas.

La Coca Cola, o meglio la fantasia di Haddon Sundblom, il grafico pubblicitario della Coca Cola, nelle sue pubblicità ha sfruttato la figura e la simbologia associata a Babbo Natale ottenendo un notevole potere commerciale. Ma ovviamente Babbo Natale non ha nulla a che vedere con la distruttiva Coca Cola. Prima di tale romantica interpretazione pubblicitaria, Santa Claus era descritto come poco più di uno gnomo, magro e un po’ spaventoso, che indossava però quegli stessi vestiti (disegnato da Thomas Nast fumettista).

 

Santa Claus Allora la domanda sorge spontanea: da dove provengono quei vestiti? Qual è la simbologia

associata? La risposta, a detta degli antropologi risale a molto prima del 1920 con l’inizio della pubblicità della Coca Cola, a cui ahimè oramai tutti associano Babbo Natale e la magia del Natale. Le radici di Santa Claus con i suoi vestiti, i sacchi di doni, la slitta, le renne volanti e gli strani viaggi di mezzanotte con entrata dai camini delle case per portare i doni, sembra risalire a tradizioni ancestrali delle tribù del Nord Europa e del circolo polare artico, i Kamchadales, i Chukchy e i Koryaks siberiani in particolare, e i Lapponi.

Sembra proprio vero, Babbo Natale viene dal Polo Nord!

E, come molti altri racconti fantastici (pensiamo ad “Alice nel paese delle meraviglie”), la leggenda origina da esperienze intense con i funghi allucinogeni, in questo caso l’Amanita muscaria.

Nella notte del solstizio d’inverno, uno sciamano Koryak per tradizione raccoglieva i funghi, l’Amanita muscaria appunto, chiamata anche “Fly Agaric” in inglese. Lo sciamano mangiava il fungo o l’urina delle renne che lo avevano consumato e si “lanciava” in un viaggio spirituale lungo l’albero della vita (un grande pino) che raggiungeva la stella polare per cercare le “risposte” ai problemi del Villaggio.

L’albero della Vita è associabile, nelle leggende del Nord Europa, all’albero del Mondo.

 

“World Tree”- Dipinto di Oluf Olufsen Bagge l’albero della vita di tradizione gaelica e l’albero della vita a Milano Expo 2015.

Dana Larsen nel suo articolo “The Psychedelic Secrets of Santa” elabora la simbologia pre-cristiana del Natale e spiega come le popolazioni del Nord Europa, tra cui i Lapponi finlandesi e le tribù Koryak delle steppe della Russia credessero nell’albero del mondo (“World Tree”): tale albero era visto come un “asse cosmico” sul quale erano fissati i piani dell’universo. Le radici si estendono nell’oltretomba, nelle profondità della terra, il tronco è la “Terra di Mezzo”, l’esistenza di tutti i giorni, e i suoi rami sono estensioni verso il “Regno Celeste”.

Anche la stella polare è considerata sacra, dal momento che tutte le altre stelle nel cielo girano attorno ad essa che costituisce un punto fisso. Tali popolazioni associano la stella polare all’albero del mondo e all’asse centrale dell’universo.

La cima dell’albero del Mondo toccava la stella del Nord, e lo spirito dello sciamano avrebbe scalato l’albero metaforico, raggiungendo così il Regno degli dei.

Questo è il vero significato della stella posizionata sulla punta dell’albero di Natale e anche la ragione per cui il Polo Nord è considerato la sede del Villaggio di Santa Claus.

Quindi l’albero ha un significato importante che può essere ricondotto alla simbologia dell’albero del mondo.

Il termine “Fly” agaric offre un’immagine interessante. Pensiamo a Babbo Natale e le sue renne volanti. Forse uno degli aspetti più memorabili della mitologia di Santa Klaus sono proprio le sue “Renne Volanti”! le Renne sono animali molto comuni in Siberia e, come abbiamo visto, nella loro alimentazione includono anche i funghi, tra cui l’Amanita muscaria, questo fungo con proprietà allucinogene come possiamo vedere nel filmato “Magic mushrooms and reindeer” edito dalla BBC:

 

 

L’Amanita muscaria è un fungo rosso e bianco che spesso vediamo illustrato nelle fiabe e nei film di Walt Disney, nei video games di Super Mario Bros e nei cartoni dei Puffi. Si tratta di un fungo tossico anche se la tossicità si abbassa quando viene essiccato.

Cresce generalmente sotto gli abeti per cui gli sciamani li mettevano ad essiccare nei rami degli abeti oppure li infilavano in calzettoni e li mettevano sul camino appesi accanto al fuoco ad essiccare. Anche questo ci ricorda qualcosa, giusto?

Donald Pfister, un biologo che studia i funghi presso la Harvard University, suggerisce che le tribù siberiane che mangiavano l’Amanita muscaria o bevevano l’urina delle renne che di essa si nutrivano, avessero visto le renne volanti durante un “trip”.

Un modo per eliminare la tossicità del fungo è quello di farlo mangiare alle renne, raccogliere le urine, dopo che quindi il sistema digestivo ha digerito e inattivato i composti tossici, e berle. Nelle urine rimangono infatti le sostanze psichedeliche. Alle renne questo fungo piace molto quindi diventano ottimi produttori di “pipì magica”!

Quando lo sciamano va alla ricerca dei funghi indossa stivali di pelle di renna e vestiti bianchi e rossi in onore dei funghi.

Raccoglie i funghi essiccati e un po’ di urina di renna in sacchetti di pelle di foca, quindi ritorna al villaggio nel suo “Yurt” (teepee casa tradizionale di quel periodo storico) dove gli abitanti di più alto grado del villaggio si sono riuniti per la cerimonia del solstizio d’inverno.

Ma come poteva entrare nello Yurt se la porta era bloccata dalla neve? Si arrampicava con il suo sacco di “doni” (Amanite) sul tetto che funzionava da camino e si calava all’interno dell’abitazione. Quindi distribuiva i funghi ai suoi ospiti.

L’idea di usare il camino per entrare in casa è una parte importante dell’iconografia del Natale. I bambini lasciano il latte e i biscotti sul caminetto perché da lì entra Babbo Natale per portare i doni.

È interessante notare che, oltre ad indurre allucinazioni il fungo stimola potentemente il sistema muscolare al punto di dare “forza sovraumana” a chi li consumava come una fonte di adrenalina scatena reazioni in una situazione di vita o di morte. E l’effetto è lo stesso sugli animali, così le renne acquisivano forza e potenza e potevano saltare molto in alto; sotto gli effetti psichedelici

che alterano le dimensioni e creano la sensazione di volare, gli abitanti della tribù che consumavano i funghi potevano veramente vedere “volare” le renne in cielo.

Da qui la leggenda: lo sciamano e le renne volano verso la stella Polare (esattamente sopra il Polo Nord) per recuperare i doni della conoscenza e poi ridistribuirli al resto del villaggio.

Tali tradizioni sono poi state portate in Gran Bretagna attraverso gli antichi druidi, le cui pratiche spirituali si basavano su simbologie originarie dell’estremo Nord, si sono poi mescolate con leggende germaniche (Wotan, il più potente degli dei germanici), nordiche (Odino, la controparte di Wotan) e altre associate al solstizio d’inverno. Con lo stabilirsi degli inglesi nel Nuovo Mondo la tradizione di S. Nicholas ha trovato la sua immortalità con il poema di Clement Clark Moore “A Visit from St. Nicholas” e l’immagine con la campagna pubblicitaria della Coca Cola come detto precedentemente.

Ma alla fine la “magia” sembra risalire proprio al Circolo Polare Artico e all’uso sciamanico dell’Amanita muscaria!

Ganoderma lucidum e allergie

Ganoderma lucidum e allergie

Ganoderma lucidum e allergie

Effetti del Ganoderma lucidum sul controllo dei processi allergici e infiammatori

Attività antiossidante
Modulazione delle attività delle cellule coinvolte nei processi infiammatori (mast cellule, macrofagi, neutrofili, linfociti)
Regolazione delle attività enzimatiche proinfiammatorie (es. fosfolipasi A2, ciclossigenasi (COX), ossido nitrico sintetasi…)
Modulazione della produzione di mediatori chimici dell’infiammazione
Modulazione dell’espressione dei geni codificanti per fattori pro-infiammatori.

Bhardwaj, Neha, Priya Katyal, and Anil K Sharma. “Suppression of inflammatory and allergic responses by pharmacologically potent fungus Ganoderma lucidum.” Recent patents on inflammation & allergy drug discovery 8.2 (2014): 104-117.

Dott.ssa Stefania Cazzavillan

#micoterapia #reishi #ganodermalucidum #funghimedicinali